Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Percorso formativo su: protezione internazionale, minori stranieri non accompagnati e vittime di tratta

Di seguito le slides del percorso formativo Mediato su. protezione internazionale, minori stranieri non accompagnati e vittime di tratta

 

IMG 20171212 145409

12 dicembre 2017

AUDIZIONI o INTERVISTE

L’ascolto dei richiedenti protezione internazionale

Avv. Veglio – ASGI


pdfscarica le slides

Progetto Mediato
Percorso formativo su: protezione internazionale, minori stranieri non accompagnati e vittime di tratta

 

Di seguito le slides del percorso formativo Mediato su. protezione internazionale, minori stranieri non accompagnati e vittime di tratta

 

IMG 20171123 143441

 23 novembre 2017

PROTEZIONE INTERNAZIONALE

Le principali novità introdotte dalla c.d Legge Minniti (Legge 13 aprile 2017 n. 46) sui procedimenti in materia di protezione internazionale

Avv. Cattelan - ASGI

pdfscarica le slides

pdfscheda pratica Legge Minniti - a cura di avv. Savio

pdfCircolare 27 luglio 2017 - Ministero dell'Interno Commissione nazionale per il diritto d'asilo - notifiche

pdfNuovo avviso -  Tribunale ordinario di Torino

pdfNuovo Decreto di rigetto - Tribunale ordinario di Torino

Progetto Mediato
Percorso formativo su: protezione internazionale, minori stranieri non accompagnati e vittime di tratta

Di seguito le slides del percorso formativo Mediato su. protezione internazionale, minori stranieri non accompagnati e vittime di tratta

 

incontro mediato 1 201727 ottobre 2017

MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI
Nuove garanzie a tutela dei minori stranieri non accompagnati dopo la L. 47/2017 (Legge Zampa)

Avv. Fiore – ASGI

pdfscarica le slides

 

Progetto Mediato
Percorso di aggiornamento rivolto alla figura del/la facilitatore/trice linguistico/a operativo nell’ambito dell’accoglienza in Piemonte - Mediato 5

IMG 20170518 103432Di seguito le slides del percorso sperimentale rivolto alla figura del facilitatore linguistico operativa nell’ambito dell’accoglienza dei richiedenti asilo in Piemonte.

18 maggio 2017  “Nozioni di base della procedura di Protezione Internazionale - I parte" pdfslides dell'intervento
Avv. Eleonora Vilardi, Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione - ASGI

25 maggio 2017 “La salute dei migranti: orientamento ai servizi sanitari in Piemonte” pdfslides dell'intervento
Dott.ssa Alessia Montanari, Commitato Collaborazione Medica (CCM)

1 giugno "Nozioni di base della procedura di Protezione Internazionale - II parte" pdfslides dell'intervento
Avv. Alessandra D'Angelo, Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione - ASGI

8 giugno "Il ruolo della mediazione interculturale nel progetto migratorio dello straniero”  - Associazione Multietnica dei Mediatori Interculturali (A.M.M.I.)

Docenti: Rhana Nahas, mediatrice interculturale Ospedale Regina Margherita e Molinette pdfslides dell'intervento
e Gu Ai Lian, presidente dell’Associazione socio-culturale italo-cinese Zhi Song pdfslides dell'intervento

Progetto Mediato
Seminario: La vulnerabilità delle donne migranti nel percorso migratorio

 

seminario vulnerabilitaSeminario: La vulnerabilità delle donne migranti nel percorso migratorio. Protezione giuridica e sanitaria delle vittime di violenze e sfruttamento

 

Questo primo seminario si concentra sulla condizione di vulnerabilità delle donne che nei paesi d’origine, di transito e di arrivo subiscono differenti forme di violenza, abuso e sfruttamento.

Con questo ciclo di seminari tematici il Progetto Mediato vuole offrire momenti di approfondimento su temi specifici emersi durante il percorso di aggiornamento da parte dei diversi soggetti che vi hanno preso parte (operatori sociali, mediatori, istituzioni, terzo settore).

 

pdfslide intervento Monique Diarra
ostetrica e collaboratrice CCM Comitato Collaborazione Medica
pdfslide intervento Antonella Canavese
ostetrica, Centro Soccorso Violenza Sessuale del Presidio Ospedaliero Sant'Anna di Torino
pdfslide intervento Fabrizio Giorcelli
avvocato ASGI Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione

 

Progetto Mediato
Percorso di aggiornamento giuridico e socio-antropologico su: diritto d’asilo, accoglienza e protezione internazionale
furno mediato4
Questioni relative alla stabilizzazione permanente dello straniero e del cittadino europeo in Italia
avv. Laura Furno (ASGI)
 (8 giugno 2016 Torino)
 

 
Progetto Mediato
Percorso di aggiornamento giuridico e socio-antropologico su: diritto d’asilo, accoglienza e protezione internazionale
AMMI METO4Mediazione interculturale ai tempi di Hotspot, CAS e SPRAR (a cura di A.M.M.I)
 ll mediatore all’interno delle dinamiche di accoglienza - Blenti Shehaj (presidente di A.M.M.I)
 Caso studio di un’équipe di mediatori e psicologi in un CAS piemontese - Serena Delfino,Valentina Colombo psicologhe (associazione Psicologi per i Popoli), Ina Muhameti, mediatrice interculturale dell'AMMI e insegnante L2 presso un CAS
 (18 maggio 2016 Torino - 24 maggio 2016 Alessandria)
 
pdfslides Mediazione interculturale ai tempi di Hotspot, CAS e SPRAR
pdfslides L'esperienza di accoglienza presso il CAS di Trinità
 
Progetto Mediato
Percorso di aggiornamento giuridico e socio-antropologico su: diritto d’asilo, accoglienza e protezione internazionale

vargas meto4Antropologia Culturale - Corpo Salute e Malattia, Illness, sickness, disease, altri corpi altri linguaggi
Dott.ssa Ana Cristina Vargas (CCM)

 

(25 maggio 2016 Torino - 31 maggio 2016 AlessandrIa)

 

pdfSlides dell'intervento

 
 
 
 
Progetto Mediato
Percorso di aggiornamento giuridico e socio-antropologico su: diritto d’asilo, accoglienza e protezione internazionale

CONSOLE METO4La condizione giuridica del cittadino straniero minorenne
 avv. M. Console e dott.ssa E. Rozzi (ASGI)

 

(4 maggio 2016 Torino - 7 giugno 2016 Alessandria)

 

pdfSlides dell'Intervento

 

MATERIALI PER APPROFONDIRE

Minori stranieri e diritto all'istruzione e alla formazione professionale - Sintesi della normativa vigente e delle indicazioni ministeriali a cura dell'ASGI

Progetto Mediato
Percorso di aggiornamento giuridico e socio-antropologico su: diritto d’asilo, accoglienza e protezione internazionale
 
 torresin2Vulnerabilità psicologica dei rifugiati e salute mentale
dott.ssa Silvia Torresin Psicologa e psicoterapeuta (a cura di CCM)
 
(20 aprile 2016 Torino - 10 maggio 2016 Alessandria)
 
 
Progetto Mediato
Percorso di aggiornamento giuridico e socio-antropologico su: diritto d’asilo, accoglienza e protezione internazionale

Veglio 2016 1

La procedura di richiesta d'asilo
avv. Maurizio Veglio (ASGI)

 
(6 aprile 2016 - Torino - 26 aprile 2016 Alessandria)

pdfSlides dell'intervento

pdfLeggi l'intervento

 

MATERIALI PER APPROFONDIRE

pdf Scheda per operatori che lavorano con richiedenti asilo “Posso andare in uno Stato europeo diverso dall’Italia?” (ASGI)

 

Brevi schede di approfondimento sui Paesi di maggiore provenienza dei richiedenti asilo nell’area torinese a partire dalle Country Origin Information (COI) a cura di ASGI.
Si tratta di materiale rivolto in particolare agli operatori dell'accoglienza che vuole essere un esempio su come come utilizzare le informazioni disponibili (COI) sui paesi di origine dei richiedenti asilo.

pdfCountry of Origin Information

pdfGuinea Bissau

pdfSenegal

pdfNigeria

pdfGambia

 

LINK2Newsletter periodica sulle notizie più rilevanti provenienti dai Paesi di origine dei richiedenti e titolari di protezione (a cura dell'Associazione Asilo in Europa, in collaborazione con il Servizio Politiche per l'accoglienza e l'integrazione sociale della Regione Emilia-Romagna). Si tratta di uno strumento di aggiornamento costante sulle notizie più rilevanti provenienti dai Paesi di origine dei richiedenti e titolari di protezione presenti sul territorio. Il progetto è curato dall'Associazione Asilo in Europa, in collaborazione con il Servizio Politiche per l'accoglienza e l'integrazione sociale della Regione Emilia-Romagna.

 

 

 

Progetto Mediato
Percorso di aggiornamento giuridico e socio-antropologico su: diritto d’asilo, accoglienza e protezione internazionale
Montanari

Vulnerabilità sanitarie dei migranti prima, durante e al termine del percorso migratorio 

dott.ssa Alessia Montanari Responsabile settore Italia CCM, esperta di Salute globale (CCM) 

(9 marzo 2016 Torino - 12 aprile 20016 Alessadnria)

 

pdfslides dell'intervento

pdfEsenzione del pagamento del ticket per richiedenti asilo.
(Circolare 4 marzo 2016 Regione Piemonte)

 

 

Progetto Mediato
Percorso di aggiornamento giuridico e socio-antropologico su: diritto d’asilo, accoglienza e protezione internazionale
trucco 2016
 La protezione internazionale e umanitaria 
avv. Lorenzo Trucco
 
 
(24 febbraio 2016 - Torino; 15 marzo 2016 - Alessandria)
 
Giurisprudenza e circolari  
pdfCircolare del Ministero dell’Interno del 31 ottobre 2013 n. 2696
pdfMinistero dell'Interno, circolare del 18 maggio 2015 n.  2972
pdfCorte d'Appello di Trieste, sez. I civile, sentenza n. 4 dell'8 gennaio 2016 pdfCorte d'Appello di Trieste, sez. I civile, sentenza n.7 dell'11 gennaio 2016
pdfTribunale di Bologna, sez. I civile, ordinanza del 6 novembre 2015
pdfTribunale di Trieste, sez. civile, ordinanza del 6 novembre 2015

 

images

Corte di Giustizia, Grande sezione, sentenza del 17 febbraio 2009, causa c-465/07 Elgafagji

 

imagesCorte di Giustizia, IV sez.,  sentenza del 30 gennaio 2014, causa C-285/12 Diakitè


MATERIALI PER APPROFONDIRE
 
LINK2  Videoguida AsylEasy - spiega la normativa italiana prevista per il riconoscimento della protezione internazionale a richiedenti asilo attraverso immagini intuitive e un linguaggio semplice. I nove video che la compongono sono disponibili in italiano, inglese, francese, arabo, farsi e tigrino. E' possibile consultare la videoguida su www.AsylEasy.com ed attraverso un’apposita applicazione per smartphone.
 
 
 
 
Progetto Mediato
Vademecum "L'accoglienza dei profughi"della Regione Piemonte

vademecum2

Vademecum “L’accoglienza ai profughi” - Regione Piemonte 2015
uno strumento rivolto agli amministratori locali e ai gestori delle strutture di accoglienza. Il Vademecum fornisce tutte le informazioni necessarie per la gestione dell'accoglienza, il percorso giuridico, gli aspetti sanitari, l’attività di volontariato, la formazione e l’inserimento lavorativo.
L’appuntamento ha visto una grande partecipazione di operatori, gestori delle strutture e amministratori locali ed è stato l’occasione per fare il punto sulla gestione dell’accoglienza dei richiedenti asilo, sul bando Sprar attualmente aperto e sulle prospettive future.

Progetto Mediato
Materiali - Ciclo di incontri Previdenza e Immigrazione a cura dell'INPS

inps4Le slides, a cura dell'INPS, forniscono indicazioni sulla Normativa internazionale in materia di previdenza sociale, Regolamenti comunitari, Accordi e convenzioni bilaterali

scarica le slides

Progetto Mediato
Materiali - Ciclo di incontri Previdenza e Immigrazione a cura dell'INPS

 

inps3l 12 giugno 2014 si è tenuto presso l'IRES Piemonte il terzo incontro del ciclo Previdenza e Immigrazione a cura dell'INPS nell'ambito del Progetto Mediato
Il tema affrontato è stato quello degli Assegni per il nucleo familiare e prestazioni sociali concesse dai Comuni. 

Relatore: Dott. Nastro - Agenzia INPS di Carmagnola

 

scarica le slides dell'incontro

 

Progetto Mediato
Materiali - Ciclo di incontri Previdenza e Immigrazione a cura dell'INPS

inps2Il 7 aprile 2014 si è tenuto presso l'IRES Piemonte il primo incontro del ciclo Previdenza e Immigrazione a cura dell'INPS nell'ambito del Progetto Mediato
Il tema affrontato è stato quello degli Assegni Sociali con particolare riferimento a tutte le problematiche che attengono al cittadino straniero.

Relatore: Dott. Nastro - Agenzia INPS di Carmagnola
scarica le slides dell'incontro

Progetto Mediato

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Dalla mediazione all'inclusione

pubbl inmediaresPubblicazione finale del progetto "In.Media.Res - Integrazione Mediazione Responsabilità" FEI 2012 - Azione 5/2012 - PROG.103507 - CUP E15F12000190007. Il testo descrive l'esperienza di integrazione tra: Servizi Educativi, Istituzioni Scolastiche, Associazione dei mediatori interculturali, Privato sociale per l’accoglienza e l’inclusione dei minori in percorsi scolastici ed extrascolastici sperimentata dal progetto. Fornisce i materiali e descrive i percorsi di aggiornamento professionale rivolti a docenti e formatori sulle tematiche connesse ai percorsi scolastici pregressi, agli ordinamenti scolastici dei paesi d’origine e all’analisi multiculturale dei libri di testo. Analizza gli strumenti psicologici, etnopsicologici e culturali proposti ad alcuni insegnanti che hanno seguito il percorso di aggiornamento sulla gestione dei conflitti e delle relazioni educative in classi multiculturali.

pdfscarica la pubblicazione 

Progetto Immediares
Manuale "Minori stranieri e diritto all'istruzione e alla formazione professionale - Sintesi della normativa vigente e delle indicazioni ministeriali" a cura dell'ASGI

Schermata 09-2456919 alle 17.31.00Il documento intende fornire una sintesi della normativa che disciplina il diritto-dovere all'istruzione e alla formazione, con riferimento ai minori di cittadinanza non italiana. Per ciascun tema (iscrizione, inserimento nelle classi, conseguimento del titolo finale ecc.), vengono analizzate, oltre alle norme vigenti al momento della pubblicazione, le indicazioni che il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha fornito riguardo all'applicazione di tali disposizioni normative nell'ambito del sistema scolastico.

L'ultimo capitolo delinea in modo sintetico le principali norme riguardanti il rilascio del permesso di soggiorno ai minori stranieri e l'acquisto della cittadinanza italiana.

pdfMinori stranieri e diritto all'istruzione e alla formazione professionale - Sintesi della normativa vigente e delle indicazioni ministeriali a cura dell'ASGI (Associazione per gli studi giuridici sull'immigrazione)

Progetto Immediares
Materiali del Corso di formazione "Laboratori di didattica interculturale” - Progetto InMediaRes

Il corso di formazione ha proposto agli insegnanti una riflessione sulla capacità e sulle risorse che la scuola può mettere in campo nel relazionarsi agli studenti stranieri e alle loro famiglie. L'analisi di due casi studio - il sistema scolastico cinese ed egiziano - ha consentito di decentrare il punto di vista sull'insegnamento, la didattica e il rapporto scuola famiglia. Osservando modi altri di insegnare e costruire relazioni educative, è stato possibile scoprire l'implicito che vi è dietro il "nostro" modo di insegnare e le nostre pedagogie, per poterle modificare e meglio adattare alle richieste del contesto multiculturale rappresentato dalle nostre classi.
I casi studio presentati, costruiti arricchendo con i mediatori culturali di AMMI le fonti web già disponibili, si strutturano principalmente attorno a due poli: ordinamento scolastico e relazione studente-scuola-famiglia.
In ciascuno dei due sistemi si è poi focalizzata l'attenzione sull'utilizzo dei manuali di testo, in particolare di storia e geografia. I manuali organizzano il sapere e le discipline rispondendo a specifici mandati educativi ed una loro analisi può darci informazioni utili, oltre che del programma che viene svolto in determinate discipline, anche quale e quanta attenzione è data a determinati contenuti o quale tipo di ragionamento viene sollecitato privilegiatamente (mnemonico, logico, di sintesi ecc..) in ogni contesto.

Presentazioni degli incontri

1. pdfpresentazione

2. pdfpresentazione

3. pdfScheda di analisi sui libri di testo

I casi studio
pdfIl sistema scolastico in Cina
pdfIl sistema scolastico in Egitto


Esempio di sperimentazioni da fare in classe
pdf"Un testo per Yuri" (costruzione partecipata in classe di un manuale semplificato) 

Progetto Immediares
“ Libricino utile” - schede per l’accoglienza delle famiglie straniere - Comune di Torino - Direzione Servizi Educativi

LABE ROT. MODIFICATO1

 

Il Libricino utile è una raccolta di schede utili per l’accoglienza delle famiglie straniere, uno strumento di presentazione della realtà scolastica italiana, un accompagnamento che può agevolare la comunicazione scuola-genitori. 

I vari materiali, raccolti grazie alla collaborazione delle scuole e di altri enti, sono stati analizzati, riorganizzati e tradotti (arabo, cinese, romeno, portoghese) e sono stati raggruppati secondo diverse tematiche pensando all’uso specifico da parte di chi li utilizza nella scuola (segreteria e dirigenti scolastici, econome, docenti).

 

 

  

images-16
Consulta le schede

 

 

images-18Per saperne di più 
Presentazione 
Metodologia e indicazioni per l'utilizzo
Credits e ringraziamenti

 

Progetto Immediares
Guarda come abbiamo fatto...14 percorsi interculturali - Comune di Torino - Divisione Servizi Educativi

guarda-come-abbiamo-fattoIl progetto nasce per raccogliere i lavori svolti nelle scuole sui vari temi interculturali da indicare come spunto all'uso di nuove metodologie didattiche replicabili in altre situazioni e come aiuto all'integrazione scolastica degli alunni stranieri.  E' il frutto del lavoro di14 scuole diverse (elementari, medie, istituti comprensivi) che hanno scelto impostazioni, argomenti e discipline di riferimento, differenti. Diversa è stata inoltre la struttura dei 14 percorsi prodotti (intercultura come contenuto o intercultura come metodologia), diverso l'approccio didattico e gli strumenti di documentazione utilizzati.
Il Progetto si è articolato in momenti di formazione, di riflessione teorica, di ricerca e di interventi con classi.
Sono stati prodotti materiali con taglio interculturale secondo la metodologia della ricerca-azione.

Percorso interattivo - Guarda come abbiamo fatto

Progetto Immediares
Guarda ce la fai - Comune di Torino - Divisione servizi educativi

guarda-ce-la-faiUndici brevi filmati realizzati su tematiche d’interesse per il mondo della scuola e dei giovani, accompagnati da esercizi linguistici atti a favorire l’apprendimento della lingua italiana sia  orale che scritta. Si è ricercato nel percorso di insegnamento della lingua italiana di permettere il passaggio dal livello A2 a B1.  Il prodotto contiene  circa 600  termini tradotti in più lingue. L’intento è stato quello di  fornire uno strumento con caratteristiche di facile riproducibilità didattica, da utilizzare soprattutto nell’ultimo biennio della scuola primaria e nella scuola secondaria di primo grado. Proprio per rendere il prodotto più interessante per i ragazzi si è scelto di lavorare a partire dalla produzione di filmati prodotti grazie alla collaborazione e partecipazione attiva di 11 scuole dell’obbligo del territorio cittadino, l’’Università e l’USR.   Gli attori dei video sono gli alunni italiani e stranieri di alcune scuole dell’obbligo della Città di Torino che svolgono azioni programmate e pensate per approfondire nozioni e concetti utili alla conoscenza del linguaggio e degli aspetti della vita scolastica quotidiana. Abbinati ai video ci sono una serie di applicazioni interattive di esercizi linguistici atte anch’esse a favorire la comprensione della lingua, la corretta dizione dei lemmi ed a sviluppare capacità di scrittura con la possibilità di autocorrezione.

Il prodotto è stato tradotto in 3 lingue: rumeno, arabo, cinese.

 

Guarda ce la fai cd1

Guarda ce la fai cd2

 

 

Progetto Immediares
“Un Cappuccetto verde, bianco, rosso” Comune di Torino - Divisione servizi educativi

cappuccettoQuesti materiali presentano un metodo per l'insegnamento dell'Italiano come Lingua Seconda (L2) strutturato principalmente per i bambini della scuola di base e della scuola dell’infanzia; il materiale è tutto impostato in modo da essere di facile uso e di ancor più facile replicabilità. L'insegnamento dell’italiano viene fatto a partire da immagini e brevi frasi tratte dalla fiaba di Cappuccetto Rosso rivisitata dallo scrittore Roberto Piumini. Ci sono inoltre indicazioni per la produzione di un teatrino e delle marionette per cui la fiaba può anche essere agita e diversi esercizi in forma ludica.Si tratta di un utile ed innovativo strumento di aiuto per l’insegnamento della lingua italiana e un buono strumento di aggiornamento e formazione professionale per i docenti.

E ‘ previsto inoltre il coinvolgimento delle famiglie sia nella fase iniziale con volantino in lingua madre tradotta in 7 lingue (albanese, rumeno, arabo, cinese, francese, inglese, spagnolo) e sia al termine con l’allestimento di un momento di festa; vengono fornite ai genitori  informazioni relative alle lezioni di Italiano come L2 e il calendario degli incontri previsti.

 

zipparte 1

zipparte 2

zipparte 3

zipTeatrino

zipScenografie

(zipSoftwarezipMateriali per duplicazione)

 

Progetto Immediares
Guarda...io studio Geografia - Comune di Torino Divisione Servizi Educativi

Schermata 05-2456791 alle 13.03.50

Questo lavoro nasce  in seguito ad un’esperienza di ricerca/sperimentazione realizzata negli anni scolastici tra il 2009 e il 2011, con la partecipazione delle volontarie del Servizio Civile Volontario, l’Università di Torino, consulenti esterni di Geografia e Comune di Torino.

Il materiale di geografia è stato elaborato tenendo presente l’obiettivo di rendere facilmente comprensibili i testi adottati dalle scuole.

La semplificazione ha comportato di mantenere intatte sia le linee guida che gli approfondimenti della materia.

Lo studio del planisfero è caratterizzato da una visione non arbitraria ma multicentrica.

Il Progetto si è articolato in momenti di incontri, di formazione, di riflessione teorica, di ricerca e di  alcune interviste agli insegnanti di geografia.

 

consulta le schedeimages-16

 

 

 

 images-18per saperne di più

scheda sintetica

 

 

Progetto Immediares

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Materiali progetto Prov@work

logo pw bassapdfPresentazione del progetto 

1. Presentazione del percorso sperimentale rivolto a persone migranti con professionalità medio-alte, volto al rafforzamento delle competenze e a migliorare il livello di occupabilità di tali soggetti

pdfAlcuni dati sulle alte professionalità a livello Provinciale

pdfBilancio dell'esperienza migratoria (BIM), esame CISL, accompagnamento alla ricerca attiva del lavoro - Enaip Torino e Casa di Carità Arti e Mestieri 

pdfTirocinanti non-Ue nelle aziende torinesi a supporto dell'internazionalizzazione: l'esperienza di Ceipiemonte – Ceipiemonte 

Ricerca del lavoro attraverso I social networkexp 

 

2. Presentazione del percorso sperimentale rivolto a giovani [21/ 29 anni] e donne [30/45 anni] con professionalità medio- basse, dedicato alla sperimentazione di percorsi individuali e di gruppo per la definizione di progetti personalizzati di accompagnamento alla ricerca attiva del lavoro

pdfPercorsi e azioni di orientamento al lavoro per giovani cittadini di Paesi Terzi - Cooperativa Terremondo e Associazione ASAI

pdfPercorso e azioni di orientamento al lavoro per donne migranti disoccupate - Ufficio Pastorale Migranti

 

3. Presentazione del percorso di rafforzamento delle competenze per operatori e mediatori culturali dei servizi che svolgono attività di tutoring per i beneficiari del progetto su aspetti normativi ed amministrativi che influenzano l'inserimento lavorativo dei migranti

pdfAggiornamento sulla condizione del lavoratore straniero e consulenza sugli aspetti normativi e amministrativi che influenzano l'inserimento lavorativo dei migranti - Ires Piemonte

 

Censimento su "L' orientamento al lavoro per i cittadini/e stranieri/e a Torino e provinciaexp - Formazione80

 

Questi materiali sono stati presentati in occasione del convegno finale del Progetto Prov@work il 19 giugno 2013 presso Casa di Carità Arti e Mestieri - Torino. 

 

Progetto Prov@Work

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Antropologia Medica di Ana Cristina Vargas Tratto da: “L’antropologia medica” nel manuale di Conrad Phillip Kottak, Antropologia culturale 2 ed., McGraw-Hill, pp. 94 – 96

 

L’antropologia medica, uno dei settori più importanti e vitali nel campo delle discipline antropologiche, studia l’ambito della salute, il benessere e la malattia nei diversi contesti socio-culturali e ha una vocazione simultaneamente teorica e applicata. Nell’eterogeneo panorama dell’antropologia medica si possono distinguere due grandi orientamenti. Il primo, medico-ecologico, è più vicino all’antropologia fisica e si concentra sull’incidenza delle variabili sociali e comportamentali nella biologia umana, soffermandosi sul modo in cui un dato gruppo sociale si adatta a particolari condizioni ambientali, sociali o ecologiche.

Il secondo approccio, critico-interpretativo, è più affineall’antropologia culturale e ha come obiettivo centrale quello di analizzare il modo in cui il corpo, la salute e la malattia sono definiti, costruiti, vissuti, gestiti ed esperiti in ogni contesto socio-culturale.

pdfleggi l'articolo 

 

 

il mondo in una stanza
ETNOPSICOTERAPIE di Piero Coppo

 

L'etnopsichiatria nasce come etnografia dei disturbi e delle terapie che noi chiamiamo «psichici» presso popolazioni esotiche nel periodo dei grandi viaggiatori, dei primi psichiatri e della colonizzazione; si sviluppa in un’epoca in cui andavano affinandosi gli strumenti etno-antropologici e matura nel momento della crisi dell’anima occidentale, insieme alla nuova consapevolezza etica e politica che tende a restituire piena dignità alla parola dell’altro. Così, un po’ per la crisi dello spirito imperialista bianco, un po’ per gli avanzamenti scientifici nell’area delle scienze umane applicate, un po’ per i profondi processi di revisione epistemologica che dagli anni ’70 a oggi hanno lavorato l’area delle scienze della psiche, un po’ per la cresciuta autorevolezza delle voci «altre», la conoscenza di altri sistemi di cura ha finito per gettare nuova luce sul funzionamento delle culture e quindi anche della nostra..


pdfleggi l'articolo 

 

il mondo in una stanza
La sindrome di Salgari 20 anni dopo di Salvatore Geraci

Ma cosa c’entra Salgari con i problemi di salute degli immigrati? Qual è il punto d’incontro tra uno scrittore fervido di fantasia di oltre un secolo fa e il fenomeno di trasformazione sociale che stiamo attualmente vivendo?
Quando, circa 20 anni fa, in Italia si cominciò a parlare di medicina delle migrazioni, era acceso il dibattito politico che affrontava il tema della salute di questa popolazione evocando il rischio di importazione di malattie infettive in un binomio che nella storia dell'umanità è stato spesso associato. Proprio in quegli anni l’allora ministro della sanità, on. Francesco De Lorenzo, istituì per la prima volta una commissione ministeriale con il compito di affrontare il tema della salute degli immigrati e non è casuale che a parteciparvi fossero quasi esclusivamente medici tropicalisti ed infettivologi (ed anche un veterinario!).

(...) L’effetto migrante sano si contrappose alla Sindrome di Salgari. Da una parte il processo di selezione in partenza dell’immigrato per cui non parte chi sta male ma colui che ha più possibilità di riuscita in un progetto migratorio che spesso vede nell’integrità fisica la condizione per inserirsi in un mercato di lavori rifiutati dagli italiani perché rischiosi o particolarmente faticosi; dall’altra le aspettative fantasiose di trovare persone affette da morbi tropicali senza alcuna esperienza e evidenza scientifica di tale evenienza. 

 

pdfleggi l'articolo

il mondo in una stanza

Newsletter



Joomla Extensions powered by Joobi

Novità legislative

feed-rss

L’INPS riconosce il “premio nascita” a tutte le madri regolarmente soggiornanti

Lunedì, 19 Febbraio 2018

Con il messaggio del 13 febbraio 2018, l’INPS si adegua a quanto disposto dal Tribunale di Milano e estende il "premio nascita" a tutte le madri...


Leggi tutto...

Vietata l'espulsione del richiedente asilo che abbia proposto appello

Giovedì, 15 Febbraio 2018

Il richiedente protezione internazionale che, dopo il rigetto del ricorso da parte del Tribunale Ordinario abbia proposto appello in base alle...


Leggi tutto...

Dal 31 gennaio 2018 in vigore il decreto legislativo correttivo in materia di protezione internazionale

Lunedì, 05 Febbraio 2018

Il decreto legislativo n. 220 del 22 dicembre 2017, recante  disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 18 agosto 2015, n. 142,...


Leggi tutto...
Mediato è promosso da     con il sostegno di
logo ires asgi2 logo-Ammi logoCCMscritta  compagnia san paolo